Innaffiare le piante

Camilla Sorgente

Camilla Sorgente

Cari lettori del blog di Prezioso Casa, per il post di oggi vi portiamo nell’esclusiva area garden del nostro showroom di Castel Volturno (non dimenticate – mi raccomando – il nuovo punto vendita di Salerno) per dispensare qualche suggerimento su come innaffiare le piante.

Trovare il modo e il momento giusto per farlo è fondamentale affinché crescano sane e rigogliose. Innanzitutto occorre capire quando hanno bisogno di acqua: non esistono regole fisse ma d’altronde lo si può intuire facilmente. Il metodo più semplice e affidabile consiste nel toccare il terreno; se è umido o fresco vuol dire che non è necessario innaffiare, se invece risulta secco e asciutto bisogna intervenire.

Un’altra tecnica basilare consiste nell’osservare le foglie: se le vedete sul punto di appassire, flosce, un po’ scolorite e deboli significa che la pianta ha sete. Forse non tutti lo sanno, ma le coltivazioni in vaso hanno più esigenze rispetto a quelle in piena terra. E forse non tutti sanno, andando ancora più nello specifico, che le piante messe a dimora nei vasi di terracotta richiedono una quantità di acqua doppia rispetto a quelle che si trovano nei vasi di plastica, in quanto l’umidità evapora attraverso la superficie porosa del vaso stesso (cosa che non accade nel caso dei materiali plastici).

Un elemento di primaria importanza è costituito dal tipo di terreno: se argilloso, la pianta si manterrà idratata più a lungo; se sabbioso, la pianta perderà più velocemente l’idratazione. Ancora, le piante con tante radici necessitano di più acqua rispetto a quelle appena messe a dimora in vasi ampi e che quindi hanno ancora molto spazio per crescere.

Le piante con radici grosse e foglie piccole (ad esempio gli arbusti da siepe) chiedono meno acqua di quelle con foglie larghe, sottili e fragili. Il motivo? Diminuisce la superficie esposta all’evaporazione. Le piante hanno bisogno di maggiore acqua durante la crescita, durante la fioritura, nelle giornate più calde della primavera, nell’arco dell’estate; hanno bisogno di una minore quantità di acqua, invece, in autunno e in inverno.

Contenti di questa guida rapida per innaffiare le piante? Bene, commentate il post raccontandoci la vostra esperienza. Se, invece, desiderate arredare il vostro giardino vi aspettiamo nei nostri punti vendita. Tornate sulla home page e, cliccando il tasto prenota, garantitevi la consulenza di un arredatore.

Alla prossima.

condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Ti potrebbero interessare...

LEGGI ALTRE curiosità E CONSIGLI PREZIOSI!

Rimani aggiornato con le nostre novità e promozioni

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER