Rivestimenti cucina

Anna Ferrone

Anna Ferrone

Cari lettori del blog di Prezioso Casa ancor prima di essere ambiente caldo e intimo in cui ritrovarsi, la cucina è una zona operativa, un luogo di lavoro sottoposto a tante sollecitazioni. Qui si annidano i fumi della cottura, si generano vapore e umidità, e i rischi di macchie, abrasioni, tagli e danneggiamenti sono all’ordine del giorno.

Va da sé, pertanto, che i rivestimenti più indicati per la cucina siano quelli che coniugano bellezza estetica, tendenze, design senza dimenticare la praticità.

Qual è la soluzione migliore per le nostre esigenze? Scopriamolo insieme cominciando con il marmo, uno dei materiali più utilizzati nei progetti di interior design per i rivestimenti a parete. Con la sua eleganza senza tempo, il marmo dona all’ambiente un aspetto solido e rassicurante. È naturale e completamente ecologico, dunque perfetto per rivestire ambienti come la cucina in cui è fondamentale l’uso di materiali atossici.

Inoltre, grazie alla sua naturale lucentezza, il rivestimento in marmo bianco è perfetto per allargare visivamente un ambiente poco illuminato o di ridotte dimensioni.

Per gli amanti della natura ecco il legno, in grado di creare, con acciaio e cemento, un meraviglioso contrasto di calore e austerità e di rafforzare il mood innovativo di una cucina moderna e tecnologica o in stile  industrial.

Di grande tendenza vi sono pure i rivestimenti “a cascata”, in cui il materiale per rivestire il top della penisola o dell’isola della cucina riveste a cascata con lo stesso materiale anche i fianchi della struttura, dando vita ad un look pulito e minimale.

Questi rivestimenti possono riprendere lo stile e il materiale della composizione a parete o distanziarsene in modo da creare un blocco monolitico e statuario a sé stante capace di rendere l’ambiente più personale.

Per un look evergreen il piano di lavoro della cucina può essere rivestito in cemento. Si tratta di un materiale naturale che si adatta sia ad ambienti moderni che contemporanei. Perfetto per cucine più classiche in cui l’approccio minimalista del cemento può creare un contrasto suggestivo con mobili bianchi o in legno chiaro.

Chiudiamo col vetro sfatando innanzitutto un tabù: come può un materiale così fragile e delicato adattarsi alla vita frenetica di una cucina? Il vetro ha saputo ritagliarsi un posto importante nel settore dei rivestimenti per la cucina grazie alla tecnologia e agli originali effetti stilistici che riesce a creare. Lavorazioni sempre più sofisticate, inoltre, lo hanno reso adatto a rivestire le pareti della cucina senza particolari problemi.

Non aggiungo altro. Se volete saperne di più sui rivestimenti per la cucina vi aspetto in negozio. Tornate sulla home page del nostro sito e cliccate il tasto prenota per garantirvi un appuntamento con un arredatore. Alla prossima.

condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Ti potrebbero interessare...

LEGGI ALTRE curiosità E CONSIGLI PREZIOSI!

Rimani aggiornato con le nostre novità e promozioni

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER